fbpx

MILANO

23-25 Marzo 2018
Fieramilanocity

Costruiamo la scuola di domani
Sabato 24/3

10:00 – 11:30

Sala Blu

L’apprendimento capovolto


In tutte le aree maggiormente sviluppate del pianeta l’attuale scenario socio-culturale pone nuove sfide educative e didattiche alla scuola, ogni giorno più accelerate dalla diffusione di massa delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC).
Le scuole stanno lentamente cambiando e l’inserimento degli strumenti tecnologici, come Lavagne Interattive Multimediali, Computer e Tablet, ne è forse il tratto più sintomatico, offrendo a insegnanti e studenti un nuovo terreno dove creatività, inventiva e studio si potenziano reciprocamente.
L’impiego delle TIC, in questa mutata situazione, è purtroppo però spesso finalizzato più al rafforzamento di un approccio tradizionale ai processi d’insegnamento-apprendimento che alla ricerca di nuove ed efficaci strategie didattiche che prendano in considerazione la pluralità degli stili cognitivi delle nuove generazioni.
Per sfruttare totalmente le risorse che l’Era Digitale ci propone, occorre pensare nuovi approcci all’istruzione e all’apprendimento adottando strategie che possano migliorare l’insegnamento per renderlo maggiormente personalizzato e che sappiano realmente collocare lo studente al centro delle situazioni d’aula.
Negli ultimi anni e in questa precisa direzione, si è collocato il costrutto didattico del Flipped Learning (l’Apprendimento Capovolto) che, sfruttando le potenzialità delle nuove tecnologie a casa e a scuola, si propone come utile e innovativa metodologia didattica da impiegare sin dalla primaria.
Se è innegabile che una Flipped Classroom tragga grandi benefici dall’impiego delle TIC è certamente altrettanto vero che sia possibile sviluppare attività Flipped anche avvalendosi degli strumenti didattici più tradizionali. Alla base di questa metodologia, infatti, non si trova tanto l’uso delle nuove tecnologie da parte di “docenti super esperti” quanto piuttosto il capovolgimento degli ambienti d’apprendimento che consente agli allievi di assumere maggiore responsabilità del proprio ruolo e agli insegnanti di lavorare al fianco dei propri alunni anziché di fronte a loro.
Questo cambiamento offrirà inoltre ai docenti la straordinaria possibilità di osservare e apprezzare (valutazione autentica) le competenze manifestate da ciascun allievo (autovalutazione) nei vari processi di lavoro attivo che la Didattica Capovolta saprà promuovere.

 



Modulo di iscrizione

https://www.sfide-lascuoladitutti.it/wp-content/uploads/2017/12/vastarella.jpg

Sergio

Vastarella

Formatore Giunti Scuola.
Sergio Vastarella, formatore Giunti Scuola, è un insegnante di scuola primaria presso l’Istituto comprensivo di Cembra (TN) e studioso di didattica e pedagogia. Ha dedicato il proprio interesse all’uso delle TIC nei processi di insegnamento/ apprendimento, alla progettazione e valutazione per competenze e all’uso di modelli didattici innovativi come il Flipped Learning.
Dopo la laurea alla libera Università di Bolzano, entra a far parte del XXVIII ciclo di dottorato per conseguire il PhD in pedagogia generale, pedagogia sociale e didattica generale.
Nel 2016 ha curato l’edizione italiana (ed. Giunti Scuola) del libro Flip Your Classroom di Jonathan Bergmann e Aaron Sams, aggiungendo una ricca postfazione autografa e nel 2017 ha scritto con Tiziano Pera il libro (Giunti Scuola: Firenze) “VALUTARE, che cosa, come, perchè, quando “.
Con Giunti Scuola collabora per la rivista “La Vita Scolastica”, con la rubrica “Didattica innovativa – Flipped Classroom”, dedicata al rapporto tra didattica capovolta, competenze, innovazione e l’uso degli strumenti digitali nei processi d’insegnamento e apprendimento.