fbpx

MILANO

SFIDE – La scuola di tutti
3ª edizione
Online 14-22 novembre 2020

Costruiamo la scuola di domani
17 novembre

17:30 – 19:00

U come umorismo, U come utopia. Un ritratto di Gianni Rodari nel centenario della sua nascita


U come umorismo, U come utopia. Un ritratto di Gianni Rodari nel centenario della sua nascita Nella storia della letteratura per l’infanzia in Italia esiste un prima e un dopo Rodari. A partire dagli anni Cinquanta lo scrittore nato a Omegna ha infatti indicato un modo nuovo di guardare ai bambini e alle storie in versi o in prosa scritte per loro. Fin dagli esordi Rodari li ha considerati interlocutori al tempo stesso seri e giocosi, destinatari degni di attenzione e profondo rispetto, persone capaci di esplorare la complessità del mondo e alle quali, dunque, non nascondere le contraddizioni e ingiustizie sulle quali questo si fonda. Con questo spirito ha scritto per loro storie, poesie e filastrocche piene di umorismo e attraversate da un’irriducibile tensione utopica: ancora oggi le sue parole invitano a immaginare mondi soggetti a regole diverse da quelle alle quali siamo ormai abituati, alle quali ci siamo adeguati – anche nel quotidiano pensare – e grazie a questo scarto immaginativo suscita il desiderio di non accontentarsi del reale così come sembra dato, gettando idealmente le basi per una sua trasformazione anche radicale.


https://www.sfide-lascuoladitutti.it/wp-content/uploads/2020/12/Martino_Negri_BN.jpg

Martino

Negri

È ricercatore all’Università degli studi di Milano-Bicocca. Oggetto privilegiato del suo interesse di ricerca sono le modalità di interazione tra linguaggio verbale e iconico nello spazio della pagina, nella duplice direzione dell’indagine su oggetti del passato, per un verso, e, per l’altro, sull’editoria degli ultimi vent’anni; parallelamente a questo filone, di impostazione storica, ha sviluppato una linea di indagine incentrata sul tema dell’incontro tra bambini e libri, con una focalizzazione sull’esperienza del lettore. Collabora stabilmente con la rivista “Hamelin. Storie, figure, pedagogia” e ha pubblicato Viperetta. Storia di un libro (Scalpendi, 2010), Lo spazio della pagina, l’esperienza del lettore (Erickson, 2012) e Pierino Porcospino, prima icona della letteratura per l’infanzia (FrancoAngeli, 2018); con Francesco Cappa ha curato l’edizione di W. Benjamin, Figure dell’infanzia. Educazione, letteratura, immaginario (Raffaello Cortina, 2012) e l’autobiografia di Leo Lionni, Tra i miei mondi (Donzelli, 2014).